RifLeggendo

L'autore racconta cosa c'è nel suo cuore e nella sua memoria, l'editore vende il racconto nel modo che gli sembra più adatto a quella storia o a quel pubblico, il lettore percepisce la storia secondo ciò che ha nel cuore e nella memoria. A volte lettore - editore - autore si incontrano per parlare del libro che non appartiene più a nessuno ma ha una vita sua. Mille riflessioni possono nascere dalla stessa lettura, uguali e contrastanti per questo le chiamo RifLetture che sono altro dalle recensioni. Chi recensisce giudica, io non sono all'altezza di giudicare ma sicuramente posso riflettere nelle letture: RifLeggendo condivido qui.

giovedì 13 febbraio 2014

Dressed for Snow, a poem by Rita Lange Severino

Un piccolo estratto di una poesia di Rita Lange Severino che tanto mi ha divertito, considerate che ho due bambini piccoli e quando si esce ci si dimentica sempre un pezzo e a volte si va di fretta e ... leggendo questo poema l'ansia cambia aspetto e diventa una risata che guarda a queste cose come naturali e molto umane. La vita, al ritmo di questa poesia, ha un sapore più sereno. 
Mi piace molto.

A little extract by Rita Lange Severino's poem. It amused me so much. You have to consider that I am a mom of two small children and when we leave they always forget something, and you're in a hurry and ... oh gosh ... in reading this poem my anxiety disappeared and turn into a laugh. It make you look at these things as natural and very human. With the rhythm of this poem, life tastes more delicious. 
I like it a lot.


 *** 

I’ve donned my toasty snowpants,
a hat, my boots, some gloves,
twice around I’ve snugly wound
that homemade scarf Mom loves

I’m wearing seven layers,
as warm as warm can be
I’m dressed for snow from head to toe ~

but first, I have to pee… 

*** 

[traduzione mia]
Vestito da neve

Ho indossato il mio completo da neve,
un cappello, i miei stivali, dei guanti, 
ho stretto a ferirmi, ben due volte,
la sciarpa fatta in casa che tanto piace alla mamma.

Sono ricoperto da sette strati,
per stare caldo che più caldo non si può
mi sono vestito da neve dalla testa ai piedi - 
ma prima, devo fare pipì ...