RifLeggendo

L'autore racconta cosa c'è nel suo cuore e nella sua memoria, l'editore vende il racconto nel modo che gli sembra più adatto a quella storia o a quel pubblico, il lettore percepisce la storia secondo ciò che ha nel cuore e nella memoria. A volte lettore - editore - autore si incontrano per parlare del libro che non appartiene più a nessuno ma ha una vita sua. Mille riflessioni possono nascere dalla stessa lettura, uguali e contrastanti per questo le chiamo RifLetture che sono altro dalle recensioni. Chi recensisce giudica, io non sono all'altezza di giudicare ma sicuramente posso riflettere nelle letture: RifLeggendo condivido qui.

lunedì 21 ottobre 2013

I fratelli Zingaretti raccontano per non perdere la memoria

22 ottobre alle 21, in largo 16 ottobre 1943 a Roma (ingresso libero). Un'iniziativa organizzata da tutti e tre i fratelli - l'attore Luca, il presidente della Regione Lazio, Nicola e Angela, organizzatrice di appuntamenti culturali

I fratelli Zingaretti leggono per non perdere la memoria.

Se ci riesco vado e poi vi dico cosa penso. Sicuramente ogni iniziativa per ricordare è buona, Luca Zingaretti mi piace, anche se io non seguo Montalbano in televisione, però ha il suo fascino. Il fratello Nicola è un politico e mi era simpatico, non ha fatto nulla per essermi antipatico ma è un politico e io sono troppo arrabbiata con la nostra politica per spendere due parole buone. La sorella Angela ... chiedo scusa, non sapevo che avessero una sorella.

Per tutti quelli che non andranno all'appuntamento con i fratelli Zingaretti, propongo di andare al Teatro 7 per vedere Bravi voi ... io è una vita che vi seguo, One Man Show di Fabio Avaro su testo scritto da Mario Alessandro e Fabio Avaro, organizzato da Fabrizio Sartini. Mario Alessandro io lo preferisco in assoluto su tutti i contemporanei e già ve l'ho detto ( e per me Piedi di Feltro è imbattibile). Fabrizio Sartini è Fabrizio Sartini e chi non lo conosce, lo vada a conoscere. Fabio Avaro (il nome sembra un programma) non lo conosco ma vi saprò dire anche di lui, spero, credo ... di riuscire ad andare.

In ogni caso buona cultura a tutti
Silvia